Progetto Long COVID-19: attivo il numero di telefono dedicato

È attivo il numero di telefono dedicato al progetto “Long COVID-19: quali percorsi possibili?”. Gli interessati potranno chiamare il numero:

348.5279016

attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 14:00

per richiedere informazioni o prenotare gratuitamente una visita con il nostro staff medico presso la nostra sede di Vasto.

Ricordiamo che la Fondazione Padre Alberto Mileno Onlus di Vasto marina, in collaborazione con l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, ha avviato un nuovo ambulatorio riabilitativo ad accesso completamente gratuito per coloro che riscontrino sintomatologie persistenti post COVID-19.

Tale ambulatorio prevede l’attivazione di percorsi terapeutici-riabilitativi specifici a cura di un’equipe multidisciplinare che prevede il coinvolgimento di diverse figure specialistiche (cardiologo, neurologo, psichiatra, pneumologo, psicologo).

Progetto “Long COVID-19: quali percorsi possibili?” – Avvio delle attività

La Fondazione Padre Alberto Mileno Onlus di Vasto marina, in collaborazione con l’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara, è lieta di annunciare l’avvio di un nuovo ambulatorio riabilitativo ad accesso completamente gratuito per coloro che riscontrino sintomatologie persistenti post COVID-19.

Progetto Long COVID-19
Logo del progetto “Long COVID-19: quali percorsi possibili?”

Recenti studi hanno evidenziato come, in molti pazienti che hanno sviluppato il COVID-19, parte della sintomatologia possa persistere nel corso dei mesi successivi all’infezione, pur se in presenza di una guarigione clinicamente attestata.

Questi sintomi residui configurano quello che viene attualmente definito Long COVID, un quadro sindromico che interessa diversi organi e apparati, tra cui il Sistema Respiratorio, Cardiovascolare e non ultimo in ordine di importanza il Sistema Nervoso Centrale, come evidenziato da una recente metanalisi sull’argomento (Lopez-Leon et al., 2021). 

Del resto, precedenti pandemie avevano già mostrato come alcune infezioni virali possano lasciare pesanti sequele su coloro che ne sono stati affetti, come il caso dell’encefalite letargica secondaria all’influenza del 1920 (McCall et al., 2008). 

Le manifestazioni neuropsichiatriche, che possono essere presenti al momento dell’infezione attiva o manifestarsi come sequela nel Long COVID, rappresentano una affezione di notevole peso e rilevanza sulla qualità di vita dei pazienti che ne sono affetti. 

Tra queste manifestazioni abbiamo la “nebbia cognitiva” (neural fog), un quadro clinico caratterizzato da disfunzioni cognitive, perdita di memoria, deficit di attenzione e concentrazione. Oltre alla nebbia cognitiva, Depressione e Sindrome da Fatica Cronica sembrano essere altre due manifestazioni comuni del Long COVlD. Tutte queste manifestazioni vengono attualmente inserite nel contesto di un’unica categoria nosografica, il Neuro-COVID.


Il nostro ambulatorio consente agli interessati di accedere, gratuitamente, dopo un primo colloquio di approfondimento con il nostro staff medico, ad una visita specialistica multidisciplinare (che può coinvolgere le figure del cardiologo, pneumologo, neurologo, psichiatra e psicologo) al fine di individuare il miglior percorso terapeutico-riabilitativo che possa contrastare la sintomatologia persistente post COVID-19.

Nei prossimi giorni sarà attivato il numero di telefono dedicato all’iniziativa al quale, tutti coloro che riscontrano sintomatologie persistenti post COVID-19, possono rivolgersi per richiedere maggiori informazioni o fissare un primo appuntamento con il nostro staff.


Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalla Regione Abruzzo
Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalla Regione Abruzzo